SOTTOLINEATURE

SOTTOLINEATURE #1 - DONNE CHE CORRONO COI LUPI

Sottolineature. Rigorosamente a matita  è il nuovo format di Radio Zappa che parla di libri. Qui non si raccontano le trame, non si descrivono minuziosamente i personaggi, non si fa critica letteraria. Sfoglio le pagine di libri già letti e riprendo le sottolineature, rigorosamente a matita, dei passaggi che mi colpirono, per un motivo o per un altro, dando voce a qualche pensiero.
Il format esordisce con Donne che corrono coi lupi, di Clarissa Pinkola Estés. A Boogie sembra piacere, spero anche a voi.
Un grazie particolare a Matilde Rossato per aver prestato la sua bella voce.

SCARICA IL PODCAST: clicca qui e poi sui tre pallini per scaricare il podcast

#SHARE

Facebook
Telegram
WhatsApp
Twitter
Email

A CURA DI

#STAYTUNED

Le Faremo Sapere

Le faremo Sapere – Ep.11 Giorgia e Ivan

Sono infermieri, pronti ad affrontare il dolore ad ogni turno e a porvi rimedio, con la loro empatia ma soprattutto grazie alle proprie competenze e specializzazioni, a cui non viene attribuito un adeguato riconoscimento, né economico né simbolico.

Le Faremo Sapere

Le faremo Sapere – Ep.10 Giulia

Si chiamano Big Four perché sono effettivamente in 4 società a spartirsi il mercato mondiale nei servizi che offrono, dalla revisione alla consulenza. Possono occuparsi di audit per le aziende private, ma anche gestire settori chiave dell’amministrazione pubblica che lo Stato preferisce esternalizzare piuttosto che assumere o formare personale competente (unicamente per scelta ideologica, considerato che i costi sono maggiori nel modello attuale).

Giulia, inquadrata ai livelli base di una di queste, ci ha offerto uno scorcio su ritmi e dinamiche di lavoro all’interno di questi colossi multinazionali, tra persone mosse da ambizioni di carriera o dal semplice istinto di sopravvivenza.

Le Faremo Sapere

Le faremo Sapere – Ep.09 Bianca e Nicolò

Bianca e Nicolò lavoravano entrambi nel settore dell’accoglienza. A seguito degli ultimi decreti che inasprivano le regole in materia migratoria, hanno entrambi lasciato quello che per loro non era semplicemente un impiego ma anche una scelta ideologica.